L’uomo incarnato non è un corpo che ha uno spirito, ma uno spirito che occupa, temporaneamente, un corpo. La sua origine è spirituale e non prioritariamente materiale.

Creati da Dio, in un giorno che si perde nell’eternità dei tempi, durante lungo periodo siamo vissuti solo con il principio spirituale, realizzando le prime conoscenze.

Preparati per vivere nel mondo degli uomini, noi, gli spiriti, passiamo ad utilizzare un corpo fisico, un’organizzazione perfetta che ci permette di imparare, di insegnare, di ricevere e di servire, in cerca dell’evoluzione.

Spiriti ancora ritardati, abbiamo vissuto come gli uomini delle caverne, sulla Terra e in altri mondi nel periodo in cui la nostra priorità era procreare, mangiare e sopravvivere. Posteriormente, altri valori si sono incorporati ai nostri desideri, e oggi, in un mondo di molto dolore, di tentazioni, desideriamo evolverci quanto possibile.

È innegabile che lo Spiritismo ci offre una guida più diretta per questa crescita, perché più che mostrarci le implicazioni che le nostre attitudini hanno nella vita presente, ci allerta sulle conseguenze di queste attitudini nel mondo spirituale e nelle prossime incarnazioni.

Siamo costantemente messi in guardia sul fatto che: il fumatore compromette i polmoni (anche col fumo passivo n.d.r.), la gola, il sistema circolatorio; l’alcool compromette il fegato, la lingua e può causare spasmi cerebrali. Chi pratica il sesso irresponsabile può trasformarsi in un maniaco, ciò può portare allo stupro e alle abitudini promiscue di tutti i tipi. Il drogato sarà sempre un alienato e perché domina la sua volontà avrà attitudini irresponsabili e inspiegabili, tutto a causa della dipendenza chimica. Il peggio di questa dipendenza è la comprova dell’incompetenza dell’individuo per resistere alla forza del vizio.

Dal momento che è il nostro corpo ad esigere dosi quotidiane di chimica, è raccomandabile alternare di tanto in tanto le nostre abitudini per far notare che la sovranità è dello spirito. Lo spirito deve essere il signore e non lo schiavo.

Per le ragioni di cui sopra, non è logico dare l’impressione di essere in tre: Io, il Mio Corpo e il Mio Spirito. Ovvero, io comando ambedue – il corpo e lo spirito. Così, quando morirò, il corpo si decomporrà e il mio spirito andrà a risolvere i suoi problemi e ad affrontare le responsabilità per gli errori che io ho commesso.

Solo quando questo linguaggio sarà diverso, dirò “io”, giammai il mio spirito. Così dirò che il lavoro in favore del prossimo è importante per la mia evoluzione, non per l’evoluzione del mio spirito e sarà normale dire che la cura con l’igiene è fondamentale per la salute del mio corpo. La coscienza che l'”io spirituale” vivrà per sempre e che oggi egli sta preparando il proprio futuro, darà a ciascuno di noi una definitiva responsabilità. Saremo noi a rispondere per i nostri errori e reincarnare, non il “nostro spirito”.

Può sembrare dispensabile questa avvertenza ma la cultura religiosa di venti secoli ci insegnò tutto in modo deturpato. Non ci informarono neppure che saremo reincarnati. Suggerirono che profittassimo la vita al massimo, perché finiva tutto con la morte. Non c’era ragione per lottare, migliorare, essere meno materialisti, aiutare il prossimo, se alla fine tutti avremmo avuto la stessa sorte. Dal linguaggio nasce la coscienza. Parleremo di noi non come di un ipotetico “nostro spirito”. Ci convinceremo che stiamo vivendo, ora, la preparazione del nostro futuro e non di un essere che si trasforma in fumo o si disperde come goccia nell’oceano. Il futuro sarà buono o cattivo a seconda di come lo programmeremo – materialmente e spiritualmente (oggi è il risultato di chi eravamo ieri n.d.r.).

Viviamo schiavi delle abitudini e loro determinano ciò che siamo. A partire dalle espressioni di linguaggio possiamo cambiare concetti e comportamenti.

In questo giorno non diremo più “il mio spirito deve evolvere”. Affermeremo, con sicurezza, “io debbo evolvere”.

 

Articolo pubblicato su RIE dicembre 2000 pag. 505

Testo in italiano per Regina Zanella

regina@sentieridellospirito.it

Anúncios